Non possibile visualizzare il filmato. Potrebbe essere necessario installare il plugin flash, puoi scaricarlo qui
Itinerario: I luoghi della Grande Guerra

Cimitero Austro - Ungarico

 
Cimitero Austro - Ungarico
 

Dietro il cimitero civile è ancora ben individuabile - grazie ad un muro di cinta fatto dal Genio Italiano subito dopo la fine della Grande Guerra - il Cimitero Militare Austro-Ungarico a prevalente servizio dell'ospedale da campo n° 1.505, ubicato, allora, presso l'attuale casa di riposo S. Giuseppe. Il cimitero arrivò ad accogliere circa 900 salme di cui 491 note; il dato è desunto da un elenco ed una mappa compilati nel 1921 dalla 1^ Compagnia Lavoratori Pulizia Mortuaria. Dopo alcune esumazioni individuali fatte negli anni venti, nell'agosto 1943 una compagnia del CGCOSCG (Comitato Generale Cura e Onoranze Salme Caduti in Guerra) iniziò ad esumare tutte le salme per dismettere il cimitero come gli oltre 50 cimiteri austro-ungarici siti nella Marca Trevigiana. Il lavoro viene interrotto l'8 Settembre. Alcune relazioni affermano che le salme esumate furono traslate al Sacrario di Nervesa, altre che le salme esumate, messe in cassette individuali "da riporto", vennero, in tutta fretta, risepolte a fior di terra. Nel 1970, quando il cimitero fu definitivamente dismesso da OnorCaduti, i titolari dell'impresa che fecero le esumazioni confermano di aver trovato, oltre alle normali sepolture poste a 1,50-1,80 m. di profondità, anche cassette "da riporto" site a fior di terra. Sempre, nel 1970, furono recuperati ed inviati al Sacrario di Castel Dante a Rovereto i resti di 346 Caduti ignoti e 28 noti. Il cimitero si presenta ancor oggi complessivamente integro nella struttura o

 
Servizi per il cittadino

Servizio di competenza regionale